Titolo: UN PICCOLO INFINITO ADDIO Autore: EMILY PIGOZZI Editore: SELF PUBLISHING Pagine: 129 Prezzo E-Book:   € 0,99 Serie: LIBRO...

Recensione: UN PICCOLO INFINITO ADDIO

Titolo: UN PICCOLO INFINITO ADDIO
Autore: EMILY PIGOZZI
Editore: SELF PUBLISHING
Pagine: 129
Prezzo E-Book: € 0,99
Serie: LIBRO CONCLUSIVO
Genere: ROMANCE CONTEMPORANEO


SINOSSI UFFICIALE:

E se l’uomo che credevi di odiare fosse l’unico in grado di scaldarti il cuore?
Lara Corsini è un medico: ha poco più di trent’anni, ma vive un’esistenza solitaria e costellata di ricordi. L’unico sentimento vero che prova è l’odio per Cesare Marano, ex ragazzo scapestrato e primo amore di sua sorella, la dolce e bellissima Susanna, ma anche il colpevole della sua morte prematura.
Da allora sono trascorsi vent’anni. Dopo il carcere, di Cesare si sono perse le tracce.
Il suo improvviso ritorno in città risveglierà sentimenti mai sopiti, ma Lara dovrà fare i conti con una eventualità imprevista: Cesare è un uomo ferito, completamente diverso, e la ragazza sente crescere verso di lui un’attrazione irresistibile.
I due saranno capaci di lasciarsi alle spalle i dolori del passato e credere in un nuovo, travolgente amore?

Una storia dolce amara sulla sofferenza e la rinascita, e sugli imprevisti e le passioni che possono cambiare l'intero corso di una vita.


LA MIA OPINIONE:

“Un ritorno alla vita e all’amore!”
Questo romanzo breve in poche pagine riesce a veicolare la grande personalità narrativa dell’autrice, lo stile delicato e scorrevole sono infatti le colonne portanti di questa lettura. La storia è densa di sentimenti ed emozioni forti e intensi, difficili da raccontare in così poco spazio anche se alla fine è proprio il carattere narrativo a rendere questa lettura particolare ed emozionante. La scrittura è visiva e intensa, molto intima a tratti e accompagna il lettore in una storia di perdita e di dolore ma anche di rinascita e di vita. Purtroppo però, a mio avviso, la foliazione del racconto gioca molto a sfavore di due personaggi belli e interessanti che però vengono un po’ tralasciati per dare spazio ad emozioni e storia. Lo sviluppo e la crescita dei due protagonisti sono un po’ discontinui e a tratti le situazioni vengono risolte troppo in fretta, la costruzione di questa bella storia d’amore poteva dare molto di più invece è stata sviluppata in modo certamente scorrevole e carino ma senza quel carico emotivo che avrebbe potuto fare la differenza in un romanzo già molto bello. Cesare e Lara sono due protagonisti divisi dal dolore della perdita e uniti dal destino, con delicatezza e molta classe l’autrice coglie delle sfumature del lutto e delle dinamiche familiari non facili da inserire in un romanzo, senza cadere nel melodramma ma dando importanza alla forza e ai sentimenti, al ricordo e al percorso di coraggio per ricominciare. Una lettura veloce ma che colpisce al cuore per la sua componente dolce amara, per la storia piena d’amore e per la capacità di far immedesimare il lettore nei sentimenti dei protagonisti dal dolore della perdita, alla rabbia per poi arrivare accettazione e al perdono fino alla rinascita. Un romanzo pieno di dolcezza ma con una grande forza che sicuramente si ricorda per la delicatezza narrativa e per la bravura di un’autrice nello scrivere una storia diversa dal solito in modo riuscito e toccante!

GIUDIZIO COMPLESSIVO:


 = OTTIMO







© 2017 - 2012 Storie di notti senza luna di Eilan Moon.

All Rights Reserved. Tutti i diritti riservati.
Licenza Creative Commons Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia. La distribuzione del materiale presente su questo blog è vietata senza previa autorizzazione dell'autrice. Per questo scopo potete contattarla attraverso il modulo di contatto. Tutte le immagini presenti sul blog sono state reperite nel web e successivamente rielaborate, qualora l'utilizzo delle suddette violasse un qualsiasi copyright siete pregati di farcelo sapere al fine di rimuoverle immediatamente.
Grafica creata da Eilan Moon. Powered by Blogger.